INFORMAZIONI PERSONALI

Cognome e nome

 

Fiorino Francesco 

Nazionalità

 

Italiana

Nato a

 

Marsala (TP)

Data di nascita

 

02/03/1955

Codice fiscale

 

FRNFNC55C02E974Q


ESPERIENZA PROFESSIONALE

Date

 

Dal 16/03/2015 a tutt’oggi

Nome del datore di lavoro

 

 Azienda ULSS n.9 Scaligera (fino al 31.12.2016 Azienda ULSS 21 del Veneto)

Tipo di azienda o settore

 

Ospedale pubblico – Presidio Ospedaliero “Mater Salutis”, Legnago (VR) - Presidio Ospedaliero “G. Fracastorio”, San Bonifacio (VR)

Tipo di impiego

 

Dirigente medico di Otorinolaringoiatria Rapporto di lavoro esclusivo a tempo determinato

Principali mansioni e responsabilità

 

Direttore Unità Operativa Complessa



Date

 

Dal 01/08/2005 al 15/03/2015

Nome del datore di lavoro

 

Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona

Tipo di azienda o settore

 

Ospedale pubblico – Polo Chirurgico P.Confortini, Piazzale Stefani, 37126 Verona

Tipo di impiego

 

Dirigente Medico di 1° livello, Unità Operativa Complessa di Otorinolaringoiatria a direzione ospedaliera. Rapporto di lavoro esclusivo a tempo indeterminato

Principali mansioni e responsabilità

 

Incarico professionale di base fino al 31/12/2007. Dal 01/01/2008 Responsabile dell’Unità Operativa Semplice Funzionale di Otochirurgia

Date

 

Dal 6/12/1996 al 31/07/2005

Nome del datore di lavoro

 

Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona

Tipo di azienda o settore

 

Ospedale pubblico – Policlinico Universitario G.B. Rossi, Verona

Tipo di impiego

 

Dirigente Medico di 1° Livello, Clinica Otorinolaringoiatrica dell’Università di Verona. Rapporto di lavoro esclusivo a tempo indeterminato

Principali mansioni e responsabilità

 

Incarico professionale di base


Date

 

Dal 30/12/1993 al 05/12/1996

Nome del datore di lavoro

 

Ex U.L.S.S. n. 25 della Regione Veneto.

Dal 01/01/1995 Azienda Ospedaliera di Verona

Tipo di azienda o settore

 

Ospedale pubblico – Policlinico Universitario G.B. Rossi, Verona

Tipo di impiego

 

Primo Livello Dirigenziale fascia sub B, Clinica Otorinolaringoiatrica dell’Università di Verona. Rapporto di lavoro a tempo pieno

Principali mansioni e responsabilità

 

Incarico professionale di base

 

Date

 

Dal 20/06/1990 al 29/12/1993

Nome del datore di lavoro

 

Ex U.L.S.S. n. 25 della Regione Veneto (Verona)

Tipo di azienda o settore

 

Ospedale pubblico – Policlinico Universitario G.B. Rossi, Verona

Tipo di impiego

 

Assistente medico di Otorinolaringoiatria di ruolo, Clinica Otorinolaringoiatrica dell’Università di Verona. Rapporto di lavoro a tempo pieno

Principali mansioni e responsabilità

 

Incarico professionale di base

 

Date

 

Dal 24/07/1989 al 19/06/1990

Nome del datore di lavoro

 

ex U.L.S.S. n. 25 della Regione Veneto (Verona)

Tipo di azienda o settore

 

Ospedale pubblico – Policlinico Universitario G.B. Rossi, Verona

Tipo di impiego

 

Assistente medico di Otorinolaringoiatria non di ruolo, Clinica Otorinolaringoiatrica dell’Università di Verona. Rapporto di lavoro a tempo pieno

Principali mansioni e responsabilità

 

Incarico professionale di base

 

Date

 

Dal 01/01/1980 al 23/07/1989

Nome del datore di lavoro

 

ex U.L.S.S. n. 25 della Regione Veneto (Verona)

Tipo di azienda o settore

 

Ospedale pubblico – Policlinico Universitario G.B. Rossi, Verona

Tipo di impiego

 

Medico frequentatore, Clinica Otorinolaringoiatrica dell’Università di Verona.

Principali mansioni e responsabilità

 

Dal 01/03/1980 al 31/08/1980, ha effettuato il tirocinio pratico ospedaliero riportando il giudizio finale di "Ottimo"

Dal 01/12/1985 al 23/07/1989 ha effettuato servizio di guardia medica attiva

Dal 01/04/1988 al 23/07/1989 assegnata da parte dell'ULSS N. 25 del Veneto borsa di studio finanziata dalla Cassa di Risparmio di VR-VI-BL per ricerche in ambito di endoscopia delle vie respiratorie

Date

 

Dal 01/03/1986 al 23/07/1989

Nome del datore di lavoro

 

ex U.L.S.S. n. 8 della Regione Veneto (Vicenza)

 

Tipo di impiego

 

Servizio a rapporto convenzionato. Titolare nella branca di Otorinolaringoiatria

Principali mansioni e responsabilità

 

Specialista ambulatoriale

 

Date

 

Dal 10/02/1984 al 31/03/1985

Nome del datore di lavoro

 

Ex U.L.S.S. n. 48 della Regione Lombardia (Mantova)

Tipo di impiego

 

Servizio a rapporto convenzionato supplente nella branca di Otorinolaringoiatria

Principali mansioni e responsabilità

 

Specialista ambulatoriale

 

Date

 

Dal 01/03/1986 al 23/07/1989

Nome del datore di lavoro

 

ex U.L.S.S. n. 8 della Regione Veneto (Vicenza)

Tipo di impiego

 

Servizio a rapporto convenzionato. Titolare nella branca di Otorinolaringoiatria

Principali mansioni e responsabilità

 

Specialista ambulatoriale

 

Date

 

Dal 01/06/1984 al 30/11/1986

Nome del datore di lavoro

 

ex U.L.S.S. n. 27 della Regione Veneto (Bovolone)

 

Tipo di impiego

 

Servizio a rapporto convenzionato. Titolare di guardia medica notturna, festiva e prefestiva

Date

 

Dal 01/06/1980 al 31/05/1984

Nome del datore di lavoro

 

ex U.L.S.S. n. 27 della Regione Veneto (Bovolone)

 

Tipo di impiego

 

Servizio a rapporto convenzionato. Titolare di guardia medica notturna, festiva e prefestiva

ISTRUZIONE  E FORMAZIONE

Date

 

29/07/1985

Nome e tipo di istituto di istruzione o formazione

 

Università degli Studi di Verona

Principali materie / abilità professionali oggetto dello studio

 

Audiologia diagnostica e riabilitativa.

Qualifica conseguita

 

Diploma di Specializzazione in Audiologia, con discussione della tesi "Il Proplast ed il Plastipore nella chirurgia dell'orecchio medio". L'elaborato della tesi è stato oggetto di pubblicazione.

Livello nella classificazione nazionale

 

Voti: 70/70 e lode

 

Date

 

23/07/1982

Nome e tipo di istituto di istruzione o formazione

 

Università degli Studi di Padova (sede di Verona)

Principali materie / abilità professionali oggetto dello studio

 

Otorinolaringoiatria e patologica cervico-facciale

Qualifica conseguita

 

Diploma di Specializzazione in Otorinolaringoiatria, con discussione della tesi "Correlazioni tra soglia del fastidio e soglia del riflesso stapediale nei soggetti normoacusici". L'elaborato della tesi è stato oggetto di pubblicazione.

Livello nella classificazione nazionale

 

Voti: 70/70 e lode

 

Date

 

09/11/1979

Nome e tipo di istituto di istruzione o formazione

 

Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Palermo

Qualifica conseguita

 

Laurea in Medicina e Chirurgia

Livello nella classificazione nazionale

 

Voti: 110/110

 

Date

 

Novembre 1979

Nome e tipo di istituto di istruzione o formazione

 

Università degli Studi di Palermo

Qualifica conseguita

 

Abilitazione all’esercizio della professione di Medico Chirurgo

 

Date

 

Anno Scolastico 1972/73

Nome e tipo di istituto di istruzione o formazione

 

Liceo Classico Giovanni XXIII – Marsala (TP)

Qualifica conseguita

 

Diploma di Maturità Classica

Livello nella classificazione nazionale

 

Voti: 52/60

 

COMPETENZE PERSONALI

Lingua madre

 

Italiano

Lingue straniere

 

Inglese

Competenze informatiche

 

Eccellente capacità nell’utilizzo di piattaforme informatiche Microsoft e Apple. Ottimo livello di impiego di Office (Word, Excel, Power Point), di sistemi di elaborazioni video e sistemi di visualizzazione ed elaborazione di immagini radiologiche (OsiriX

Capacità e competenze tecniche

 

L’attività svolta presso la Clinica Otorinolaringoiatrica a direzione universitaria dell’Ospedale Policlinico e l’UOC di Otorinolaringoiatria a direzione Ospedaliera dell’Ospedale Civile Maggiore di Verona e l’UOC di Otorinolaringoiatria dell’Ospedale di Legnago ha consentito di maturare un’ampia esperienza nei principali aspetti della professione otorinolaringoiatrica e di raggiungere una completa autonomia nell’ambito clinico, chirurgico e scientifico.

        Lo scrivente considera di particolare rilievo l’integrazione tra le attività clinica, chirurgica, di ricerca e di aggiornamento che gli ha consentito di utilizzare al meglio le proprie competenze nell’interesse dei pazienti. In ciò è stata particolarmente proficua la conoscenza consolidata delle più recenti e innovative tecnologie sanitarie in ambito chirurgico e diagnostico otorinolaringoiatrico

 

        Il sottoscritto, oltre alle ordinarie attività assistenziali, diagnostiche e terapeutiche della disciplina otorinolaringoiatrica, - dal trattamento di elezione della patologia pediatrica infiammatoria e ostruttiva delle via aeree superiori, al trattamento di urgenza delle stenosi respiratorie, - si è occupato in maniera particolarmente approfondita dei seguenti settori:

-     Microchirurgia otologica. Ha svolto numerosi interventi chirurgici volti al trattamento delle patologie infiammatorie ed espansive dell’orecchio medio e alla riabilitazione della funzione uditiva (timpanoplastica, ossiculoplastica stapedoplastica, etc.) contribuendo all’avanzamento di tale settore mediante tecniche chirurgiche personali ed effettuando valutazioni comparative statisticamente rigorose sui risultati (oggetto di pubblicazioni su riviste internazionali).

-     Otoneurochirurgia. Ha effettuato come primo operatore numerose procedure otoneurochirurgiche di stretta pertinenza otorinolaringoiatrica (decompressione del sacco endolinfatico, plastica di chiusura di deiscenza del canale semicircolare superiore [con tecnica personale mini-invasiva, oggetto di pubblicazione], decompressione del nervo facciale, etc.)   e tempi craniotomici e ricostruttivi di procedure di approccio alla base cranica (exeresi di neurinoma dell'acustico per via retrosigmoidea o translabirintica o della fossa cranica media, neurectomia selettiva vestibolare, applicazione di impianto ABI al tronco encefalico).

-     Bionica uditiva. La riabilitazione uditiva mediante protesi impiantabili (impianto cocleare, impianto ABI al tronco encefalico, protesi osteo-integrata BAHA) hanno costituto un settore di punta di entrambe le Unità Operative di Otorinolaringoiatria di Verona presso cui il sottoscritto ha prestato la propria opera. L’esperienza acquisita è proseguita anche presso l’Ospedale di Legnago. Lo scrivente ha avuto un ruolo di primo piano nell’avviare a Verona, agli inizi degli anni ’90, il programma della riabilitazione bionica uditiva, favorendo le necessarie collaborazioni (di rilievo quella con la Clinica Otorinolaringoiatrica di Anversa diretta dal prof. E.Officiers) e l’acquisizione delle indispensabili dotazioni tecnologiche.

-     Audiologia clinica. Si è dedicato alle procedure diagnostiche obiettive, mediante studio dei potenziali evocati, e terapeutiche finalizzate alla riabilitazione delle ipoacusie mediante protesi acustica tradizionale o impiantabile, impianto cocleare o impianto del tronco encefalico.

-     Elettrofisiologia dei nervi cranici. Ha contribuito a mettere a punto tecniche originali di monitoraggio elettrofisiologico intraoperatorio (registrazione diretta bipolare dai nervi cranici, potenziali antidromici del nervo facciale) ai fini della conservazione della funzionalità uditiva e del nervo facciale nella chirurgia dell'orecchio medio e dell'angolo ponto-cerebellare. Tali esperienze, condotte in parte in collaborazione con il prof. Aage Moller del Dipartimento di Neurochirurgia del Presbyterian Hospital di Pittsburgh, Pennsylvania (USA), sono state formalizzate in numerosi articoli scientifici internazionali.

-     Imaging dell’orecchio medio e interno. In collaborazione con l’U.O. di Neuroradiologia dell’Ospedale Civile Maggiore di Verona, si occupato negli ultimi anni della definizione radiologica dell’idrope endolinfatico e delle sue correlazioni cliniche e terapeutiche nella malattia di Meniere, e della diagnostica del colesteatoma mediante tecniche di Risonanza Magnetica 3Tesla. Le osservazioni derivanti da tale attività sono state oggetto di numerose pubblicazioni su riviste internazionali

-     Chirurgia nasale e paranasale. Si è occupato con continuità di chirurgia funzionale del naso e del trattamento delle affezioni dei seni paranasali mediante moderne tecniche video-endoscopiche. E’ stato il primo ad applicare in Clinica ORL, alla fine deli anni ’90, l’approccio endoscopico nel trattamento della patologia infiammatoria dei seni paranasali.

-     Chirurgia endoscopia della base cranica. In collaborazione con le Unità Operative di Neurochirurgia dell’Ospedale Civile Maggiore di Verona si è occupato del trattamento chirurgico endoscopico trans-nasale della patologia espansiva della base cranica e in particolar modo degli adenomi ipofisari.

-     Chirurgia del collo. SI è occupato con continuità della chirurgia oncologica dei distretti cervico-cefalici effettuando numerosi interventi a carico dei distretti faringei, laringei, ghiandole salivari, svuotamenti linfonodali, e a numerosi interventi ricostruttivi, anche con lembi microvascolari e peduncolati. DI rilievo è l’attività chirurgica mini-invasiva mediante laser delle neoplasie dei distretti ORL e in particolare della laringe.

-      Scialoendoscopia. Presso l’Ospedale di Legnago è stata avviata negli ultimi due anni l’attività di diagnostica e terapia endoscopica delle affezioni delle ghiandole salivari maggiori     

        Di particolare rilievo clinico e scientifico, nonché occasione di proficuo scambio culturale, è stata la collaborazione con l’Istituto di Radiologia dell’Ospedale Policlinico, in un primo tempo, e della Neuroradiologia dell’Ospedale Civile Maggiore di Verona successivamente, con cui sono stati messi a punto percorsi diagnostici nell’imaging delle patologie degenerative dell’orecchio interno (idrope endolinfatico), delle affezioni infiammatorie ed espansive dell’orecchio medio, delle patologie neoplastiche dell’angolo ponto cerebellare, della valutazione degli aspetti morfologici e malformativi dell’orecchio interno volti ad ottimizzare la riabilitazione uditiva medianti protesi bioniche.

        La collaborazione con le Unità Operative di Neurochirurgia dell’Ospedale Civile Maggiore risale ai primi anni 90’ quando è stato avviato un progetto di collaborazione per il trattamento delle patologie espansive dell’angolo ponto cerebellare e l’applicazione degli impianti al tronco encefalico (ABI) in pazienti con grave deficit uditivo non rimediabile mediante applicazione di un normale impianto cocleare (pazienti affetti da neurofibromatosi di tipo 2 o da malformazioni congenite o acquisite dell’orecchio interno).       La collaborazione si è successivamente consolidata con  il trattamento per via endoscopico trans-nasale/trans-sfenoidale delle patologie espansive della base cranica ed in particolare dell’ipofisi. Le sinergie tra competenze chirurgiche endoscopiche nasali e paranasali associate a quelle più tipicamente neurochirurgiche, e la volontà di superare tecniche di approccio ormai obsolete, hanno consentito di introdurre anche a Verona tali approcci mini-invasivi, affinando la precisione degli atti chirurgici e gettando le basi per la realizzazione interdisciplinare di approcci allargati alle regioni circostanti (base cranica anteriore, clivus) destinati a limitare l’impatto demolitivo della chirurgia tradizionale.

        Un altro campo di proficua collaborazione continuativa si è realizzato con le UOC di Pediatria degli ospedali presso cui ha lavorato, prevalentemente nell’ambito della diagnosi precoce delle sordità. L’apporto personale si è espletato nella messa a punto di programmi di screening neonatale della sordità e nella valutazione diagnostica di secondo livello dei piccoli pazienti, sia del nido, che della terapia intensiva pediatrica, mediante studio obiettivo della soglia uditiva con i potenziali evocati, cui è conseguito in molti casi la diagnosi e il trattamento precoce dei deficit uditivi. Nel particolare settore della neuropsichiatria infantile, si è realizzata una stretta collaborazione per la valutazione dei pazienti pediatrici candidati ad impianto cocleare

                  Con le UOC di Neurologia a direzione Ospedaliera e Universitaria e più recentemente con quella di Legnago ha collaborato nello studio e il trattamento di varie patologie di confine (scialorree invalidanti, disfonia spasmodica, disfagie, etc) mediante infiltrazione di tossina botulinica.

 Con i Servizi di Audio-Foniatria del territoriali si consolidato rapporto caratterizzato da percorsi diagnostici e terapeutici per l’identificazione, il trattamento e la riabilitazione delle sordità infantili.

        In ambito oncologico durante il servizio presso l’UOC di ORL a direzione ospedaliera si è consolidato un rapporto continuativo con i Colleghi della UOC di Chirurgia Plastica e Ricostruttiva per la programmazione e la realizzazione degli interventi ricostruttivi medianti lembi microvascolari o peduncolati in pazienti affetti da patologia oncologica cervico-cefalica.

        Nello stesso ambito oncologico ha partecipato ai gruppi interdisciplinarei ORL-Oncologico- Radioterapico il cui compito è quello di discutere i casi di pazienti con neoplasia della testa e del collo con lo scopo di definire, per ciascun paziente, in maniera condivisa e in ottemperanza alle Linee Guida, il percorso diagnostico e terapeutico dei pazienti affetti da neoplasia della testa e del collo.

   

  Ha effettuato  dal gennaio 1990 al dicembre 2018 a oltre 7000 interventi chirurgici.

 

Attività didattica

 

Durante l'anno accademico 1985/86 ha tenuto una serie di seminari sulla "Fisica acustica" presso la Scuola a Fini Speciali per Tecnici di Audiometria dell'Università di Verona. Nell'anno accademico 1986/1987 ha tenuto, presso la stessa Scuola, dei seminari sulla "Patologia dell'orecchio".

    È stato titolare dei seguenti insegnamenti, come professore a contratto, presso l'Università degli Studi di Verona:

1) Scuola di Specializzazione in Audiologia:

- "Metodiche audiometriche e semeiologia audiologica"   dall'Anno Accademico 1990-91 all'Anno Accademico 1998-99.

- "Patologia Audiologica, vestibolare e tecnopatie" dall'Anno Accademico 1997-98 all'Anno Accademico 1998-99.

2) Suola diretta a fini speciali per Tecnici di Audiometria:

- “Patologia dell’udito e dell’organo dell’equilibrio” dall'Anno Accademico 1987-88 all'Anno Accademico 1995-96.

3) Scuola di Specializzazione in Otorinolaringoiatria:

- "ORL preventiva e sociale" dall'Anno Accademico 1993-94 al 1998-1999.

- "Otoneurologia"  dall'Anno Accademico 1997-98 all'Anno Accademico 1998-99.

4) Scuola di Specializzazione in Neurologia:

- "Neurotologia"  dall'Anno Accademico 1996-97 al 2010-11.

- “Otorinolaringoiatria” dall'Anno Accademico 2012-13 al 2014-2015.

5) Scuola di Specializzazione in Neuropsichiatria infantile:

- “Otorinolaringoiatria” dall'Anno Accademico 2012-13 al 2014-2015.

6) Scuola di Specializzazione in Reumatologia:

- “Otorinolaringoiatria” dall'Anno Accademico 2013-14 a tutt’oggi

 

    Il dr. Fiorino ha collaborato, come correlatore, alla elaborazione di numerose Tesi di Laurea in Medicina e Chirurgia, di Specializzazione in ORL e in Audiologia e di Diploma di Tecnico di Audiometria.

 

  Ha partecipato come relatore a numerosi corsi e congressi, come in parte formalizzato nell’elenco delle pubblicazioni di atti o capitoli di testi.

 

Attività scientifica

 

Dal 1981 al 1999 ha partecipato a vari progetti di ricerca preso la Clinica ORL dell’Università di Verona, finanziati dal Ministero della Pubblica istruzione (40% - 60%).

    Dal mese di agosto al novembre del 1988 ha frequentato il laboratorio di ricerca "Hearing Research Laboratory" dell'Università di Stato di New York a Buffalo, con finanziamento mediante borsa di studio assegnata dall'ULSS 25. Nel corso di tale frequenza ha effettuato ricerche sperimentali sulla suscettibilità alla ipoacusia da rumore, ed in particolar modo sul ruolo svolto dal sistema efferente olivococleare nello sviluppo di tale resistenza. I risultati di tale esperienza sono stati oggetto di due pubblicazioni scientifiche.

  Il dott. Fiorino ha frequentato lo stesso laboratorio per due ulteriori brevi periodi (6-17 marzo 1991 e 8-12 maggio 1992) mettendo a punto un progetto di ricerca sul ruolo del riflesso cocleo-stapediale sulla resistenza al trauma acustico.

    Ha frequentato dal 13 al 23 maggio 1992 il Dipartimento di Neurochirurgia del Presbyterian Hospital di Pittsburgh, Pennsylvania (USA), per acquisire nuovi elementi conoscitivi sul monitoraggio intraoperatorio nella chirurgia del basicranio, seguendo in tale attività il prof. Aage Moller. Nel corso di tale permanenza sono stati perfezionati alcuni progetti di ricerca sul monitoraggio intraoperatorio durante la chirurga del basicranio.

 

  L'attività' scientifica del dott. Francesco G. Fiorino è documentata da:

·     68 pubblicazioni su riviste straniere e italiane dotate di impact factor

·     28 pubblicazioni su riviste straniere e italiane prive di impact factor

·     2 monografie

·     17 lavori pubblicati come capitoli di monografie

·     24 lavori pubblicati su atti di congressi

·     5 lavori presentati come poster

·     92 abstract

 

              L’impact Factor totale derivante dalla pubblicazione sulle riviste internazionali è pari a 115,753.

              L’H-Index (riportato da Scopus sui lavori successivi al 1995) è pari a 24.

 

    Il dott. Fiorino ha partecipato, con contributi personali, a numerosi congressi e corsi di aggiornamento. Ha svolto inoltre il ruolo di segretario scientifico in due congressi internazionali di audiologia:

 

-"Update and New perspectives of Audiological Medicine." Sirmione, 29 Aprile-2Maggio 1990.

 - "XII Biennal Symposium of the International Electric Response Audiometry Study Group". Terme di Comano (TN), 25-29 settembre 1991. 

    È stato membro del comitato scientifico del "International Symposium on Auditory Plasticity and Regeneration: Scientific and Clinical Implications, Terme di Comano (TN), 4-7 maggio, 1994.

 

Ha organizzato i convegni:

-TC, RM e Ecografia della Testa e del Collo. Cosa Chiedere al Radiologo e come Leggere le Immagini, Verona, 25.10.2008

-La Prescrizione Protesica nella Ipoacusia Infantile: Stato dell’Arte alla Luce delle Nuove Tecnologie,   Verona,   18.04.2008

-Gli impianti cocleari: Tecnologia e applicazioni cliniche. Legnago (VR) , 17-88 giugno 2016.

-Nuove fronitere nella riabilitazione uditiva mediante impianto cocleare. 16 – 17 Giugno 2017.

Il dott. Fiorino ha conseguito l’idoneità a professore di I fascia e di II fascia per il settore scientifico disciplinare 06/F3 – Otorinolaringoiatria e Audiologia in data 12/11/2013 (Abilitazione Scientifica Nazionale anno 2012)

Esperienze organizzative e gestionali

 

Il sottoscritto ha partecipato al comitato ristretto internazionale dell’ABI Study Group che ha discusso e proposto l’estensione delle indicazioni dell’impianto al tronco (Auditory Brainstem Implant – ABI) alle “disconnessioni uditive” non neoplastiche (Milano settembre 2004). 

        Ha fatto parte della Commissione Tecnica per il Repertorio Unico Regionale per i Dispositivi Medici (CTRDM) della Regione Veneto, con il compito di valutare, secondo la metodologia dell’Health Technology Assessment, gli impianti uditivi,  mirante a definire i criteri di utilizzo in relazione alle patologie, promuovere l’appropriatezza d’uso e programmare interventi atti al miglioramento della qualità. Da questo lavoro è scaturito il documento (Decreto 282 del 30.09.2015 – Regione Veneto) “Linee di indirizzo regionali sugli impianti uditivi: impianti cocleari, impianti all’orecchio medio e protesi impiantabili per via ossea”.

          E’ stato referente della formazione dell’UOC di Otorinolaringoiatria dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona.

          E’ stato Responsabile del “Piano di Miglioramento: Riabilitazione Uditiva Bionica” presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria di Verona, volto a formare un Tecnico Audiometrista e una Logopedista per eseguire i test diagnostici previsti per il reclutamento dei pazienti candidati all’applicazione degli impianti cocleari e delle protesi osteo-integrate ed effettuarne la mappatura dopo l’intervento.

          Il sottoscritto ha mostrato nel corso di tutta l’attività un’ottima capacità di interazione con i colleghi medici e con il personale sanitario ed amministrativo. Con frequenza si pone come elemento di riferimento in grado di avviare in maniera proficua la soluzione di problemi organizzativi gestionali e clinici in un clima di reciproca fiducia e cordialità. Particolarmente proficua è sempre stata la collaborazione con i Coordinatori al fine di ottimizzare le risorse, ridurre gli sprechi e rendere più efficiente la gestione.

          Ha collaborato con i Colleghi dell’UOC di Otorinolaringoiatria a direzione Universitaria e le Direzioni Medica e Sanitaria, all’istallazione, presso il nuovo Polo Chirurgico, del “Centro di Riferimento Regionale Specializzato per la Chirurgia e la Riabilitazione Bionica dell’Udito”, in coincidenza del trasferimento della suddetta UOC. Presso tale Centro è stato   medico referente in ambito diagnostico e riabilitativo e chirurgo di riferimento per l’applicazione degli impianti cocleari.

          E’ stato presidente  delle commissioni per le procedure negoziate (Servizio Provveditorato) per la fornitura delle protesi auricolari (2012), delle protesi fonatorie (2012), delle guaine dei fibroscopi (2013) e delle protesi BAHA (2008 e 2013). Ha partecipato alla stesura del capitolato per le protesi bioniche (impianti cocleari e impianti ABI) nel 2014.

            E’ stato presidente nel 2017 della commissione regionale per la gara d’appalto per la fornitura degli impianti cocleari per i fabbisogni delle Aziende sanitare della Regione veneto (Decreto n. 50 del 16.03.2017)

     Dal 16 marzo 2015 è Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Otorinolaringoiatria presso l’Ospedale Mater Salutis di Legnago (VR) – ULSS 21 del Veneto. Durante questo periodo ha rilanciato l’attività dell’UOC incrementando l’attività Operatoria e contribuendo ad aggiornale le dotazioni tecnologiche.

            Ha instituito presso il nuovo reparto l’attività di riabilitazione uditiva mediante impianto cocleare.

Ha completato nel 2016 il Corso Manageriale per direttori di struttura complessa organizzato dalla regione Veneto

ULTERIORI INFORMAZIONI

Società scientifiche

 

Iscritto alla SIO (Società Italiana di Otorinolaringoiatria) e alla SVO (Scuola tri-Veneta di Otorinolaringoiatria). Fa parte del Comitato Direttivo di quest’ultima Società

Iscrizione albo professionale

 

È iscritto all’albo professionale dei Medici Chirirgi e Odontoiatri della provincia di Verona  (n. VR 6002)

 

Legnago, 31.12.2018